Cenacolo Missione Immacolata Mediatrice - Parrocchia Santo Spirito di Ferrara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cenacolo Missione Immacolata Mediatrice

Eventi di Santo Spirito > Cenacolo mariano
Cenacolo Mariano "Missione Immacolata Mediatrice" di Ferrara
Appuntamenti del mese: giugno 2017
3 giugno: Primo sabato del mese
Confessioni dalle ore 8.00. Alle ore 8.30 Messa in onore e riparazione al Cuore Immacolato di Maria; a seguire s. Rosario meditato.
Alle ore 17.00 in cattedrale S. Messa di ingresso del nuovo Pastore della Diocesi Mons. Gian Carlo Perego.
6 giugno: Incontro Formativo
Alle 20.30 Rosario insieme del Cenacolo, nella Cappella del S. Cuore in Santo Spirito
Alle ore 21:00 si conclude il ciclo  sulla Consacrazione all'Immacolata (ultimo di questo anno sociale).
12-13 giugno (lunedì e martedì): 24 ore per Maria
Termina alle ore 18.00 con la S. Messa di festa in onore di S. Antonio di Padova
Venerdì 23 giugno: Solennità del Sacro Cuore di Gesù
Preceduto da un piccolo ritiro nel pomeriggio (ora da precisare in seguito) , conclusione dell'anno sociale del Cenacolo e rinnovo solenne ufficiale delle consacrazioni all'Immacolata  nella Santa Messa delle ore 21.00, presso la chiesa di s. Biagio a  Villanova di Denore (santuario della Madonna di Fatima). Cena al sacco.
Sabato 24 giugno  
Nel giorno della festa del Cuore Immacolato di Maria, giornata del "Sabato con Maria" nella parrocchia di  Santa Maria Nuova  - san Biagio, via Aldighieri 46, Ferrara.

Il Cenacolo della Missione dell’Immacolata Mediatrice di Ferrara, è l’associazione pubblica di fedeli della Parrocchia di S.Spirito che vive il carisma dell’Istituto dei Francescani dell’Immacolata  secondo il proprio stato di vita e nei diversi gradi di consacrazione  all’Immacolata, portandone avanti la stessa “Missione universale  dell’Immacolata Mediatrice". Il suo scopo dunque è la realizzazione del  piano salvifico di Dio mediante la conversione e santificazione di tutte  le anime per mezzo dellla Mediazione materna dell’Immacolata,  Mediatrice di tutte le Grazie, a gloria della SS. Trinità.

La fondazione del Cenacolo di Ferrara "Immacolata Sposa dello Spirito Santo" è avvenuta il 18 giugno 2011 sotto la guida di un assistente spirituale dei Frati Francescani dell'Immacolata. La nostra forza interiore nasce dalla coscienza che i membri della M.I.M. devono essere uniti dalla volontà di far parte, nella Chiesa, della famiglia di Maria SS., in una comunione che tenga presente questa finalità, lasciando da parte atteggiamenti di autoaffermazione, critica o peggio, pettegolezzo...
Ecco "Il nostro ideale" tratto dall’articolo scritto da Padre Massimilano Maria Kolbe nel 1936, Scritti kolbiani, n. 1210: «L’Immacolata : ecco  il nostro ideale. Avvicinarci a Lei, renderci simili a Lei, permettere  che Ella prenda possesso del nostro cuore e di tutto il nostro essere,  che Ella viva e operi in noi e per mezzo nostro, che Ella stessa ami Dio  con il nostro cuore, che noi apparteniamo a Lei senza alcuna  restrizione: ecco il nostro ideale. Inserirci attivamente nel nostro  ambiente, conquistare le anime a Lei, in modo tale che di fronte a Lei  si aprano anche i cuori dei nostri vicini, affinché Ella estenda il  proprio dominio nei cuori di tutti coloro che vivono in qualunque angolo  della terra senza riguardo alla diversità di razza, di nazionalità, di  lingua, e altresì nei cuori di tutti coloro che vivranno in qualunque  momento storico, sino alla fine del mondo: ecco il nostro ideale. Che la  sua vita si radichi sempre di più in noi di giorno in giorno, di ora in  ora, di momento in momento, e ciò senza alcuna limitazione: ecco il  nostro ideale. Che questa sua vita si sviluppi nello stesso modo in ogni  anima che esiste ed esisterà in qualsiasi tempo: ecco il nostro caro  ideale.»
Chi siamo e cosa facciamo
Nel Cenacolo di Ferrara ci ritroviamo con buon senso* presso la Sala della Parrocchia di Santo Spirito, per un incontro preceduto dalla recita del Santo Rosario (Sanctum Rosarium in latino) per riconoscere fin dall’inizio il ruolo materno dell'Immacolta  Mediatrice, per pregare per la nostra famiglia spirituale e le nostre  famiglie, per il nostro Cenacolo e per i suoi membri, portando ognuno le  proprie intenzioni.

Ogni membro della M.I.M. s’impegna per quanto umanamente possibile a:
Incrementare  il culto e la devozione verso l’Immacolata Mediatrice attraverso tutti i  mezzi leciti, inclusi i mass-media, la stampa, la radio, la  televisione, internet, ecc.
Sostenere  e incrementare le missioni ad gentes, soprattutto dove più ferve la  lotta per la salvezza delle anime e per l’edificazione del Corpo di  Cristo
Interessarsi e promuovere, a ogni livello, gli studi sul Mistero di Maria.

Gli  elementi caratteristici della spiritualità della M.I.M. sono la  marianità e la missionarietà. La marianità si esprime attraverso la  totale consacrazione all’Immacolata divenendo sua “cosa e proprietà”  secondo il pensiero di S. Massimiliano Maria Kolbe. Ogni  missionario dell’Immacolata coltiva il suo impegno quotidiano di  conoscenza e d’amore, d’imitazione e di culto all’Immacolata Mediatrice,  attraverso la preghiera e la meditazione, lo studio e l’approfondimento  del Mistero di Maria, affinché tutto l’essere e l’agire del consacrato  all’Immacolata, rifletta di maniera viva l’Immacolata nel suo essere,  come “piena di Grazia” e nel suo agire come “Mediatrice Universale di  Grazia” per la salvezza dell’umanità. Tutto questo si realizza concretamente attraverso:
La testimonianza di una vita esemplare (ricercata con tutto sè stesso e cuore sincero)
La preghiera intensa e fervorosa che quotidianamente e per quanto possibile:
   - Si apra al mattino e si chiuda alla sera con un atto di adorazione e di offerta
   - Preveda la recita di (al minimo) 1 corona del Santo Rosario
   - Preveda il rinnovamento della propria Consacrazione all'Immacolata
L’azione apostolica alimentata da spirito di sacrificio.
La parola che illumina ed edifica.
* Il  buon senso dice di curare bene e di vivere esemplarmente le relazioni  all’interno della famiglia, per riuscire a far sì che la partecipazione  alla vita del Cenacolo possa riuscire un arricchimento e non un gravame  per le stesse, come pure per non dare così un pretesto al nemico per allontanarci dalla grazia di poter partecipare alla Missione  dell’Immacolata Mediatrice.
Domande e risposte
D. I Francescani si salutano con “pace e bene”, perché voi utilizzate “Ave Maria”?
R. La nostra forma di saluto è “Ave Maria!” ispirandoci a quanto faceva S. Massimiliano M. Kolbe nelle sue Città dell’Immacolata di Niepokalanow in Polonia e di Mugenzai No Sono in Giappone. Tale saluto richiama  naturalmente al mistero dell’Annunciazione ed esprime pertanto il saluto più bello e importante, quello di Dio stesso che attraverso l’Arcangelo Gabriele annunziava alla Vergine Maria l’evento dell’Incarnazione. Con tale saluto si vuole anche rendere omaggio alla presenza di Maria in ogni battezzato, tempio dello Spirito Santo e quindi Sposo di Maria Vergine.
---
D. Come mai il colore dell'abito dei Francescani dell’Immacolata è grigio-celeste?
R. Il colore dell’abito dei Francescani dell’Immacolata è il grigio con sfumatura celeste. Il primo colore si richiama alla tradizione francescana del bigello e alla cenere, simbolo di austerità (“Polvere tu sei e in polvere tornerai!” Gen. 3, 19). La sfumatura celeste vuole invece essere un riferimento mariano e un ricordo alle realtà celesti.
---
D. Cosa portate sul petto a modo di distintivo?
R. I membri della M.I.M. portano la medaglia miracolosa (o medaglia della Madonna delle Grazie, o medaglia dell'Immacolata) al collo. Sia i frati che le suore dei Francescani dell’Immacolata la portano invece appuntata al petto, sul lato del cuore.

Torna ai contenuti | Torna al menu